Comune di Darfo Boario Terme, Archivio Storico Comunale

1807. "Alla Reggia Prefettura in Bergamo. Petizione delli originari di Darfo per mezzo dell'entro segretario delegato con cui insinuano le deduzioni in loro specialità a diffesa della propria sostanza originaria in relazione al real decreto 25 novembre 18

Sfoglia il documento 165-5170-1

Comune di Darfo > Cause e liti > Antichi originari contro nuovi originari

Numero unità: 269.2
Segnatura: 1.12.3 - 269
Classificazione: 1.1.12.3
Estremi cronologici: 1807 giugno 16
Titolo: "Alla Reggia Prefettura in Bergamo. Petizione delli originari di Darfo per mezzo dell'entro segretario delegato con cui insinuano le duduzioni in loro specialità a diffesa della propria sostanza originaria in relazione al real decreto 25 novembre 1806".
Contenuto: Ricorso alla Prefettura di Bergamo della società degli antichi originari del comune di Darfo contro il decreto 1806 novembre 25.
Contiene (1):
a c. 4, 1807 giugno 1: atto di affission del decreto soprascritto nel comune di Darfo;
a c. 6, 1633 aprile 20, supplica presentata dalla Valle Camonica alla cancelleria ducale di Venezia a tutela dei beni degli antichi originari dei comuni della Valle Camonica (2);
a c. 8-10v, 1633 maggio 12 - 1633 luglio 4, suppliche dei forestieri della valle Camonica;
a c. 11, 1633 agosto 20, supplica degli antichi originari presentata alla cancelleria ducale di Venezia;
a c. 12-13, 1634 maggio 9, ducali del doge Francesco Erizzo a conferma dei privilegi degli antichi originari della Valle;
a c. 14, 1677 gennaio 18, ducale del doge Alvise Contarini, circa la regolamentazione dei diritti degli antichi e dei nuovi originari;
a c. 16, 1699 agosto 21, rigetto da parte del senato di Venezia della revisione approvata dal capitano di Brescia circa la divisione delle entrate e delle gravezze del comune di Pisogne e con condanna dei forestieri del pagamento delle spese ordinarie e straordinarie;
a. c. 19, 1765 maggio 25, comunicazione del senato al capitano di Brescia circa l'ammissibilità del ricorso contro la requisizione di beni posseduti da antichi originari.
Descrizione estrinseca: 1 fascicolo, cc. 21, num. rec.
Note: (1) Tutti gli atti sono in copia autentica del notanio Francesco Romelli di Breno.
(2) Vengono citrate come fonti i privilegi del 1428, confermati nel 1517 e successivamente nel 1622.

Link: www.archiviedocumenti.it/archivi/?str=63&prg=165&unt=5170